Seleziona una pagina

Cos’è la SEO: una guida SEO completa per principianti

da | Gen 16, 2022 | TIPS AND TRICKS | 0 commenti

L’ottimizzazione per i motori di ricerca (SEO) è il processo per aumentare la visibilità del tuo sito web quando le persone cercano prodotti o servizi online.

La SEO è importante perché la ricerca online su Google o Bing è il modo più utilizzato dalle persone per trovare ciò che stanno cercando. Cercano qualità e fiducia nei suggerimenti dei motori di ricerca visitando i siti Web visualizzati nella parte superiore dei risultati di ricerca.

Cos’è la SEO ?

La SEO include il miglioramento del traffico organico del tuo sito web e del tuo posizionamento nella pagina dei risultati dei motori di ricerca. Richiede la creazione di contenuti di alta qualità e il monitoraggio dello stato tecnico del tuo sito web. La SEO convince i motori di ricerca a consigliare i tuoi contenuti agli utenti come la migliore soluzione per le loro ricerche.

I risultati nei motori di ricerca sono presentati in un ordine in cui maggiore è il posizionamento, maggiore è il traffico ricevuto dal tuo sito. I motori di ricerca come Google utilizzano algoritmi per determinare quali pagine visualizzare in quale classifica per qualsiasi query ricercata online. Questi algoritmi complessi tengono conto di centinaia di fattori. L’ottimizzazione del tuo sito web sulla base di questi fattori si chiama SEO e poiché si basa su se stessa, la SEO si rafforza nel tempo portandoti risultati a lungo termine e duraturi.

È importante notare qui che la SEO si occupa solo di risultati di ricerca organici o non a pagamento e talvolta ai lati della sezione dei risultati di ricerca organici su una SERP e non ha nulla a che fare con gli annunci a pagamento che vedi di seguito.

Pensa alla SEO in questo modo: Google e altri motori di ricerca hanno accesso a tutte le informazioni su Internet e lavorano sodo per organizzarle o indicizzarle in modo efficiente. Questo è così che possono offrire a un utente risultati di ricerca pertinenti e utili ogni volta che hanno una query di ricerca. Sebbene l’algoritmo di ricerca di Google sia altamente classificato, gli esperti SEO hanno osservato determinate tendenze e modelli nel modo in cui va a recuperare le informazioni corrette per gli utenti. Aggiungi a questo i vari brevetti depositati dal motore di ricerca più importante del mondo e gli annunci che ha fatto su numerosi aggiornamenti al suo algoritmo di ricerca, e abbiamo un modo abbastanza legittimo di dire cosa farà sì che le tue pagine web si classificheranno meglio.

Perché la SEO è importante nel marketing digitale?

SEO o ottimizzazione per i motori di ricerca è la forza vitale dei siti Web in tutto il mondo. È la pratica di perfezionare gli elementi tecnici del tuo sito Web, insieme a condurre attività fuori pagina, per aiutare i siti Web a posizionarsi meglio sui motori di ricerca.

La SEO include una pletora di attività, ognuna con la propria rilevanza agli occhi degli algoritmi dei motori di ricerca. Alcune attività comuni che rientrano nella SEO sono l’ottimizzazione delle parole chiave, la creazione di contenuti autorevoli o di alta qualità, la creazione di backlink e gli audit del sito Web.

La SEO ha un’importanza senza precedenti per le aziende online, poiché è il fattore principale che influenza organicamente il posizionamento del tuo sito sui motori di ricerca. Ora che sai cos’è la SEO, approfondiamo cosa comporta e come funziona.

Guarda questo video su cos’è la SEO, puoi anche ascoltare il nostro podcast per saperne di più su come creare crescita tramite SEO

Dato che ora sai cos’è la SEO, questa guida SEO per principianti ti aiuterà a comprendere i seguenti argomenti.

Come funzionano i motori di ricerca?

I motori di ricerca sono essenzialmente versioni modernizzate delle biblioteche, solo digitali. Invece di essere un luogo per libri e riviste, archiviano copie di pagine Web e trilioni di byte di dati che arrivano al loro interno.

Ogni volta che un utente digita una query di ricerca, i motori di ricerca elaborano la loro raccolta di pagine Web (chiamata indice) e cercano di fornirti i risultati che sembrano più adatti. Questo lavoro viene svolto dagli algoritmi dei motori di ricerca. Sebbene non ci sia un testo che spieghi come funzionano esattamente gli algoritmi dei motori di ricerca, Google ha fornito alcuni indizi su come funzionano.

Nelle parole di Google, gli algoritmi dei motori di ricerca valutano una moltitudine di fattori, comprese le parole in una query di ricerca, la pertinenza delle pagine Web, l’autorità delle pagine Web, la posizione, le impostazioni personalizzate e molto altro. Quanto ciascun fattore influisce sulla decisione di visualizzare le pagine Web nelle pagine dei risultati dei motori di ricerca (SERP) varia in base alla query di ricerca e ad altri fattori. Ad esempio, se cerchi notizie attuali, la freschezza del contenuto è considerata un fattore importante nel determinare se viene visualizzato sulle SERP.

Mentre ci sono molti altri motori di ricerca oltre a Google, gli algoritmi del gigante dei motori di ricerca sono considerati i più potenti.

Guarda questo video di Matt Cutts di Google per saperne di più su come funziona la ricerca:

Come funziona la SEO?

La SEO è un processo che funziona per costruire il tuo sito web e i tuoi contenuti agli occhi dei motori di ricerca. Dimostra ai motori di ricerca come Google che i tuoi contenuti sono pertinenti, autorevoli e la migliore corrispondenza per le query di ricerca per posizionarsi in alto nelle SERP.

Ogni motore di ricerca ha i suoi fattori di ranking e algoritmi, quindi in questa sezione ci concentreremo sul motore di ricerca più popolare: Google.

Google ha un obiettivo con il suo motore di ricerca: fornire i risultati più adatti e migliori agli utenti in base alle loro query di ricerca. Per posizionarsi in alto nelle SERP e ottenere traffico organico, è necessario soddisfare i fattori di ranking dell’algoritmo di Google.

Google utilizza oltre 200 fattori di ranking nei suoi algoritmi, ma solo alcuni di questi fattori sono noti. Inoltre, Google classifica le pagine Web, non i siti Web. Per capire come funziona la SEO , è fondamentale conoscere i fattori di ranking di Google. Alcuni di questi fattori includono:

  • Scansionabilità
  • Mobile-friendly
  • Velocità della pagina
  • Intento di ricerca
  • Backlink
  • Qualità dei contenuti
  • Autorità

Il tuo team SEO o il tuo fornitore di servizi SEO dovrebbero sempre seguire le migliori pratiche SEO se hanno bisogno che il tuo sito web si posizioni più in alto nelle SERP. L’ottimizzazione dei motori di ricerca si prende cura degli elementi SEO della tua pagina come l’aggiunta di contenuti pertinenti, titolo e meta descrizione, URL e vari altri fattori. La SEO si occupa anche di attività off-page come la creazione di collegamenti da domini correlati e di alta qualità. Entrambi questi metodi, se combinati con una corretta strategia SEO , aiutano Google a capire la tua pagina web che alla fine porta a un posizionamento più alto sulle SERP         

Perché il tuo sito web ha bisogno di SEO?

Google è la fonte di oltre il 60% di tutto il traffico di ricerca nel mondo: se lo combini con il potere di attrazione di altri motori di ricerca come Bing e persino Yahoo, questa cifra sale al 70%. Un altro fatto essenziale per la ricerca online da considerare è che se il tuo sito web è al primo posto, c’è una buona probabilità del 40% che l’utente faccia clic sul tuo sito web per risolvere la sua query. Ad esempio, se 100 utenti cercano una query specifica, è molto probabile che 40 utenti atterrerebbero sul tuo sito Web se sei al primo posto. Immagina 40 utenti con un investimento di quasi zero rupie. Ecco perché la SEO è essenziale per il tuo sito web/attività. Sebbene la SEO richieda tempo e fatica, è un dono che continua a dare. Ecco alcuni dei vantaggi più significativi della SEO : 

  • La SEO è la più grande fonte di traffico del sito
  • La SEO aiuta a ottenere un ROI (Return On Investment) e conversioni più elevati
  • La SEO è un gioco a lungo termine. cioè il tuo investimento sulla SEO del tuo sito web porterebbe a risultati migliori in futuro 
  • La SEO crea credibilità e fiducia del marchio
  • La SEO migliora l’esperienza utente del tuo sito web (UX)
  • Non c’è bisogno di spendere per annunci a pagamento

Quindi, se sei disposto ad aumentare il traffico organico del tuo sito web, crea un team SEO interno o a bordo di un’azienda SEO professionale . 

Tipi di SEO

La SEO è suddivisa in 7 tipi. L’infografica qui sotto rappresenta diversi tipi di SEO .

White Hat SEO – Questo è il metodo più legittimo e universalmente accettato per aumentare il traffico sul tuo sito web. White Hat SEO include il miglioramento dell’esperienza dell’utente e il rispetto di tutte le regole e le politiche dei motori di ricerca per ottenere un rango più alto. White Hat SEO include SEO on-page, SEO off-page e SEO tecnico

Black Hat SEO – Black Hat SEO è un metodo per migliorare il page rank e il traffico dei siti web violando le regole e le politiche dei motori di ricerca.

Grey Hat SEO – Questa è la tecnica più utilizzata nel mondo moderno. Grey Hat SEO è una combinazione di White Hat SEO e Black Hat SEO.

SEO negativo – SEO negativo si riferisce alla pratica SEO black hat sul sito web del tuo concorrente. Ciò comporterebbe un calo delle classifiche per il tuo concorrente.

SEO on-page – On-page è un metodo per ottimizzare una particolare pagina web sul nostro sito web per ottenere un posizionamento più alto sulle SERP e ottenere più traffico. On-page è il passaggio più critico durante l’ottimizzazione del tuo sito web. Maggiori informazioni sui  fattori delle tecniche SEO on-page .

SEO off-page – Chiamato anche “SEO off-site” si riferisce a un’azione intrapresa al di fuori del tuo sito web per ottenere un miglior posizionamento sui motori di ricerca. Uno degli esempi famosi e più rilevanti di SEO Off-Page è il Link Building. Leggi di più su cos’è la SEO off-page

SEO tecnico – Il SEO tecnico è un processo per ottimizzare il tuo sito web per scopi di scansione e indicizzazione. Nel mondo moderno, la SEO tecnica è uno degli aspetti essenziali per posizionarsi più in alto sui motori di ricerca. Leggi la SEO tecnica e la lista di controllo SEO tecnica .

Fattori importanti della SEO: SEO on-page e SEO off-page

SEO on-page e off-page sono due dei fattori più importanti della SEO. Scopriamo insieme cosa comporta.

  • SEO in pagina

Questo aspetto della SEO funziona per garantire che gli algoritmi di Google possano facilmente trovare e scansionare le tue pagine Web per essere indicizzati e classificati sulle SERP. Include una moltitudine di fattori come avere contenuti utili, avere frasi di ricerca o parole chiave per le quali vuoi classificarti, contenuti autorevoli e molto altro.

Ci sono molti modi in cui puoi ottimizzare la SEO on-page per le tue pagine web. Ad esempio, dovresti utilizzare le tue parole chiave target nel titolo e nei meta tag. Anche la struttura dei tuoi contenuti gioca un ruolo importante in questo, in cui le parole chiave o le frasi di ricerca di destinazione dovrebbero essere utilizzate organicamente nel corpo e nei titoli o nei sottotitoli.

  • SEO fuori pagina

La SEO off-page, nota anche come link building, è un altro aspetto importante della SEO. 

Ottenere menzioni su altri siti Web e segnalare agli algoritmi che hai autorità di dominio è un aspetto importante delle strategie SEO. Sebbene tutti i collegamenti fuori sito non abbiano lo stesso valore, è comunque una pratica importante.

Per ottimizzare la tua SEO off-page, devi assicurarti di avere l’autorità di collegamento, ottenere collegamenti da siti Web autorevoli e pertinenti e non sovraccaricare i collegamenti da siti Web di bassa qualità come siti Web di directory.

Strategie SEO: White Hat SEO vs Black Hat SEO

In SEO, ci sono due tipi di approcci che puoi adottare per ottenere risultati: White Hat SEO e Black Hat SEO.

Generare guadagni rapidi attraverso tattiche subdole che possono portare a essere penalizzati da Google è chiamato black hat SEO. Le persone che utilizzano questo approccio utilizzano varie tecniche per superare gli algoritmi di Google come il link scraping e il keyword stuffing per ottenere rapidamente le classifiche SERP. Sebbene questo approccio possa darti risultati rapidi in termini di classifiche e traffico, è un approccio scadente a lungo termine. Potrebbe volerci un po’ di tempo per gli algoritmi, ma quando catturano qualcuno che usa tattiche SEO black hat, Google penalizza il sito Web e può persino metterlo nella lista nera dalla classifica.

White Hat SEO, d’altra parte, è l’approccio migliore alla SEO. Utilizza tecniche sostenibili per le aziende a lungo termine. L’obiettivo principale della SEO white hat è mirare e concentrarsi sul pubblico umano, invece di aggirare gli algoritmi di Google. Giocare con le regole e i regolamenti dei motori di ricerca offrendo i migliori contenuti al tuo pubblico può sostenere efficacemente il tuo business online a lungo termine.

Ecco alcune cose che sono considerate SEO black hat, che dovresti evitare:

  • Contenuto duplicato: per classificarsi più in alto rispetto ai concorrenti, alcuni siti Web duplicano i loro contenuti e contengono parole chiave.
  • Testi invisibili: alcuni siti Web utilizzano testi dello stesso colore dello sfondo della pagina per nascondere il testo, che include parole chiave nella parte inferiore del loro contenuto. Questo può farti inserire nella lista nera di Google molto rapidamente.
  • Scarsa creazione di link: rivolgersi a un fornitore per acquistare 1000 link per il tuo sito Web in 24 ore è un modo per essere inseriti nella lista nera. Assicurati che il tuo link building coinvolga siti Web pertinenti nella tua nicchia.

White Hat SEO è il modo migliore per andare per il tuo business online. L’impiego di tecniche black hat è un approccio molto rischioso, che può farti ottenere risultati a breve termine, ma danneggiare il tuo sito web a lungo termine.

Tavola periodica per il successo SEO

Come la chimica, il SEO to ha la sua tavola periodica. Questa tavola periodica SEO ti aiuterebbe a comprendere i fattori essenziali che Google considera prima di classificare un sito web più in alto nelle SERP di Google. Tieni presente che gli elementi Toxins non dovrebbero essere implementati sul tuo sito web. L’implementazione di elementi di tossine comporterebbe un calo delle classifiche per il tuo sito web. 

Risultati organici vs a pagamento

I risultati visualizzati sulle SERP sono divisi in due sezioni: Risultati a pagamento e Risultati organici.

La SEO approfondisce la generazione di risultati organici sul web. I risultati di ricerca organici, come suggerisce il nome, si verificano naturalmente in base al 100% del merito SEO. Google non può classificare alcun risultato organico più in alto ricevendo pagamenti.

PPC o Pay Per Click fornisce risultati di ricerca a pagamento, che appaiono in cima ai risultati organici o sotto di essi. Questi risultati di ricerca sono classificati in base a quanto gli inserzionisti sono disposti a fare un’offerta oa pagare per ogni clic da un risultato di ricerca.

Sebbene sia SEO che PPC abbiano i loro meriti, è sempre un buon approccio per ottenere risultati in modo organico, poiché è molto più fruttuoso per le aziende a lungo termine.

I risultati della ricerca sono sostanzialmente divisi in due sezioni: risultati organici (non a pagamento) e risultati a pagamento. Di seguito lo screenshot della SERP mostra l’esempio di risultati sia organici che a pagamento

Risultati organici: i risultati organici sono risultati naturali al 100% basati sull’intento dell’utente della ricerca. In parole povere, l’imprenditore non deve pagare Google per posizionare la propria pagina web più in alto sulla SERP. La classifica dipende interamente dalla qualità dell’ottimizzazione dei motori di ricerca eseguita sul sito web. 

Risultati a pagamento – I risultati a pagamento sono gli annunci che compaiono prima dell’inizio del primo grado su SERP. Per elencare la tua pagina web qui, il proprietario dell’attività deve pagare Google per ogni clic ricevuto dal visitatore. Questa tecnica di marketing digitale si chiama Pay-Per-Click .

Molti imprenditori oggigiorno utilizzano la combinazione di SEO e PPC per ottenere più traffico sul proprio sito web. Controlla il nostro post su SEO vs PPC   per capire la differenza tra entrambi i canali e quando usarli. 

Nozioni di base di SEO

Ora che sai cos’è la SEO e come funziona , diamo un’occhiata al passaggio successivo. La strategia SEO e il marketing sono i due elementi essenziali per portare il tuo sito web al livello successivo. Entrambi richiedono impegno, tempo e azione. Diamo un’occhiata a quali azioni devi intraprendere per realizzare la migliore strategia SEO per il tuo sito web.

1. Contenuto

La frase “Content is King” è stata propagata su Internet milioni di volte. Ed è per una buona ragione. Un utente se ne va felice quando trova il contenuto più adatto che si adatta alla sua richiesta nel miglior modo possibile. 

Ad esempio, se cerchi “guida alla SEO”, il motore di ricerca lavora sodo per fornire il risultato più adatto in grado di rispondere alla tua domanda. Se ottieni i migliori risultati che sono una guida alla SEO e ti insegneranno le basi, te ne andrai con ciò che stavi cercando e sarai soddisfatto del tuo viaggio. Google cerca di darti esattamente ciò che hai cercato. Non genera risultati sulle sue SERP che ti forniscono la definizione di SEO o qualcos’altro ad esso correlato per questo particolare termine di ricerca.

Questo rende il contenuto uno degli elementi più essenziali della SEO. Affinché qualsiasi strategia SEO abbia successo, è fondamentale un contenuto di buona qualità che soddisfi tutte le esigenze degli occhi di Google. Quindi, cosa rende buoni i contenuti? Scopriamolo.

Importanti fattori di contenuto

  •  Qualità dei contenuti

I contenuti online sono di gran lunga migliori rispetto a dieci anni fa. Trovare contenuti di buona qualità non è un compito facile, ma è necessario. La buona notizia è che ci sono un numero colossale di fonti autorevoli sul Web che puoi utilizzare per creare contenuti pertinenti e di buona qualità.

Se i tuoi contenuti risolvono un problema e forniscono agli utenti una soluzione affidabile alla loro query, allora hai raggiunto questo obiettivo. Se non è in grado di raggiungere questo traguardo, è probabile che gli utenti rimbalzino via dal tuo sito Web e cerchino altrove i contenuti di cui hanno bisogno. Questo dice agli algoritmi di Google che la qualità dei tuoi contenuti non è all’altezza di altri siti Web, il che riduce le tue classifiche SERP.

  •  Intento di ricerca

L’intento dell’utente è qualcosa su cui Google si concentra durante la determinazione dei risultati, quindi può offrire le migliori corrispondenze possibili per il termine di ricerca dell’utente. Per creare buoni contenuti, è fondamentale comprendere che i tuoi contenuti soddisfano l’intento dell’utente.

Ad esempio, non puoi creare un articolo su “scarpe da tennis” e scegliere come parola chiave principale la frase “scarpe da uomo migliori”. Se un utente sta cercando scarpe da tennis, vuole esattamente questo. Mostrare loro altri tipi di scarpe, e anche questo, per gli uomini, non darebbe loro i risultati che stanno cercando. Il termine di ricerca “scarpe da tennis” è neutro rispetto al genere e non molto specifico. La linea di fondo è che i tuoi contenuti dovrebbero integrare le parole chiave che stai prendendo di mira.

  •  Freschezza di contenuti

Secondo un recente studio di HubSpot , pubblicare regolarmente contenuti può aiutare con le tue classifiche. La pubblicazione di nuovi contenuti è solo un modo in cui puoi segnalare a Google che i tuoi contenuti sono aggiornati. Ci sono anche altri modi in cui puoi inviare questo segnale.

Anche esaminare i vecchi contenuti e aggiornarli con nuove informazioni, aggiornare fatti obsoleti, aumentare la precisione dei contenuti e sostituire i vecchi dati con i nuovi dati può inviare un segnale positivo a Google. Questo mostra a Google che le tue vecchie pagine web sono ancora rilevanti e degne di essere ancora classificate nelle SERP.

2. Ricerca per parole chiave

Le parole chiave sono l’ingrediente principale per determinare l’intento, così come il dominio del tuo sito web. Le parole chiave vengono utilizzate dai professionisti SEO per indirizzare un particolare gruppo demografico o di nicchia e ottenere traffico organico dagli utenti in quei dati demografici.

Le parole chiave possono anche determinare come e dove conduci le tue attività di link building. Ad esempio, i testi di ancoraggio con parole chiave pertinenti possono essere utilizzati per creare collegamenti su contenuti fuori pagina e contenuti in pagina.

Tuttavia, la ricerca per parole chiave non è solo una tecnica unica. Molte aziende commettono l’errore di interrompere la ricerca di parole chiave dopo aver trovato le parole chiave pertinenti una volta. L’approccio migliore alla ricerca di parole chiave per la SEO è continuare a farlo regolarmente, poiché le tendenze online cambiano molto rapidamente e il valore delle parole chiave può cambiare insieme a queste tendenze.

La ricerca per parole chiave funge anche da ispirazione per creare nuovi contenuti. Aiuta le aziende a capire quali termini di ricerca sono più ricercati dal loro pubblico di destinazione. Questo può dare loro nuove idee per creare contenuti pertinenti basati su ciò che il loro pubblico di destinazione sta cercando per catturare organicamente la loro attenzione.

Fattori importanti della ricerca di parole chiave

  •  Parola chiave giusta

Durante la ricerca di parole chiave, è fondamentale scegliere quelle che si adattano meglio al tuo contenuto e alla sua narrativa. Ad esempio, potresti offrire servizi di consulenza aziendale e le tue spese di base potrebbero accumulare fino a $ 6000 all’anno, il che equivale a $ 500 al mese. Ora, se sei classificato per la parola chiave “servizi di consulenza aziendale gratuiti”, i visitatori del tuo sito Web non apprezzeranno sicuramente questi addebiti.

I visitatori del tuo sito web cercano servizi gratuiti. Il posizionamento per quella parola chiave può aumentare significativamente le tue frequenze di rimbalzo e attirare il pubblico sbagliato. Scegli sempre le parole chiave giuste per classificarti, poiché in questo scenario Google noterà le elevate frequenze di rimbalzo del tuo sito web, che influenzeranno negativamente il posizionamento del tuo sito web.

  •  Analisi dei concorrenti

Utilizza gli strumenti di ricerca per parole chiave per trovare le migliori parole chiave che si posizionano in alto nel tuo dominio, con CTR elevati. Ciò significa anche che prenderai di mira le parole chiave che molto probabilmente verranno utilizzate dai tuoi concorrenti.

Per superare i tuoi concorrenti sulle SERP, è fondamentale condurre un’analisi completa della concorrenza e trovare ciò che stanno facendo bene, per farlo meglio di loro. Ciò include trovare le parole chiave che stanno prendendo di mira. Potrebbe volerci del tempo prima che Google si fidi dei tuoi contenuti, ma offrire agli utenti contenuti migliori rispetto ai tuoi concorrenti per le parole chiave che stanno prendendo di mira ti farà sicuramente superare.

  •  Intento di ricerca

L’intento di ricerca continua a emergere come un fattore importante in più attività SEO, perché è proprio essenziale. Invece di cercare semplicemente le parole chiave o i termini di ricerca che gli utenti stanno digitando, quello che vorresti fare è cercare di identificare esattamente cosa stanno cercando. Questo è l’intento di ricerca. Se sei in grado di ottenere l’intento di ricerca per il tuo pubblico, può fare la differenza tra la generazione di traffico e l’aumento di entrate significative.

3. HTML

La SEO si basa anche su vari aspetti tecnici e l’HTML del tuo sito web è uno dei più importanti. Senza taggare correttamente le tue pagine, strutturarle con intestazioni e sottotitoli e compilare i metadati, sarà molto difficile per Google capire di cosa trattano esattamente i tuoi contenuti.

Non è nemmeno necessario comprendere la codifica per ottimizzare l’HTML del tuo sito web. La modifica degli elementi HTML del tuo sito Web è abbastanza semplice e può essere eseguita con pochissima formazione.

Fattori importanti dell’HTML 

  •  Tag del titolo

Molte persone confondono i tag del titolo con i tag H1. Entrambi sono tipi di intestazioni completamente diversi. Il tag title è il titolo principale che è visibile agli utenti sulle SERP di Google, così come la scheda nella parte superiore dei loro browser quando aprono il collegamento.

Dovresti usare i tag title in modo molto saggio e incorporare organicamente le tue parole chiave target. Il limite di caratteri per i tag title è di 60 caratteri, quindi dovresti farlo risaltare con un titolo accattivante che contenga anche la parola chiave target.

  •  Meta Description

La meta descrizione è la sezione che viene visualizzata sulle SERP proprio sotto il tag del titolo. È la piccola descrizione che funge da riassunto di ciò che possono aspettarsi dal contenuto. Dovresti provare a incorporare le parole chiave nella tua meta descrizione in modo organico. Puoi utilizzare parole chiave secondarie o a coda lunga per i tuoi contenuti in questa sezione per renderli ancora più forti.

Il limite di caratteri per le meta descrizioni è di 160 caratteri, quindi assicurati che sia breve, preciso e al punto.

  •  Schema 

Schema è un elemento HTML che può fare una grande differenza nell’aspetto attraente del tuo risultato sulle SERP. È un sottoinsieme di vari tag HTML come elenchi, recensioni di prodotti, valutazioni e altro che possono migliorare l’aspetto del risultato su una SERP.

Ad esempio, se gestisci una panetteria, visualizzare le tue valutazioni sul risultato di ricerca stesso può avere un grande impatto sulla mente dell’utente che fa clic sul risultato. Assicurati di testare correttamente la tua pagina web per la quale stai utilizzando uno schema per assicurarti che funzioni senza intoppi.

  •  Tag di intestazione

I tag di intestazione sono dove entra in gioco la struttura dei tuoi contenuti. Il tag H1 è fondamentalmente il titolo del tuo articolo sulla pagina. È l’intestazione principale del tuo contenuto. Il tag H1 dice a Google di cosa tratta esattamente il tuo contenuto.

I sottotitoli sono dove puoi usare i tag H2, H3, H4…. Questo serve per informare i lettori e Google su quali sezioni hanno i tuoi contenuti e che tipo di informazioni contiene. Ad esempio, questa parte di questo articolo è un sottotitolo H3.

  •  Testo alternativo

Il testo alternativo è un altro importante elemento HTML che può avere un impatto significativo sulla tua SEO. Il testo alternativo viene utilizzato per descrivere i contenuti di immagini o video o altri tipi di media nei tuoi contenuti. La maggior parte dei tipi di contenuto online contiene alcuni media, ma non utilizza il testo alternativo.

Il testo alternativo descrive ai motori di ricerca ciò che i tuoi media contengono e anche ai motori di ricerca per dire verbalmente alle persone ipovedenti il ​​contenuto di esso. Il testo alternativo può anche essere utilizzato per inserire parole chiave per migliorare la tua copertura in luoghi come la ricerca di immagini di Google.

  •  Struttura dell’URL

La struttura dell’URL è uno dei modi più efficaci per dire ai motori di ricerca di cosa trattano i tuoi contenuti. Ad esempio, un URL ” https://francescorusso.work/che-cose-la-struttura-del-sito-web/” dice al motore di ricerca esattamente cosa c’è nella pagina web: un articolo sulla sstruttura di un sito web.

Questa è anche un’area molto importante in cui dovresti includere la tua parola chiave principale per assicurarti che la pagina sia indicizzata da Google, il che migliora le sue possibilità di posizionarsi più in alto.

4. Architettura del sito

Per migliorare l’esperienza utente per i tuoi visitatori, è fondamentale che l’architettura del tuo sito web sia facilmente navigabile e accessibile. L’architettura del sito Web è anche un fattore molto importante del marketing SEO, poiché include elementi come connessione sicura, design ottimizzato per i dispositivi mobili, tempi di caricamento delle pagine rapidi, facile accessibilità e molto altro.

Una buona architettura del sito consente a Google di eseguire facilmente la scansione del tuo sito Web e di accedere ai tuoi contenuti. Questo lo rende un fattore chiave nel determinare le tue classifiche. Inoltre, migliorare la tua esperienza utente invia anche un segnale positivo a Google sulla pertinenza del tuo sito web.

Fattori importanti dell’architettura del sito

  •  Facilmente scansionabile

La scansione è quando i robot di Google passano attraverso il tuo sito Web per capire il contenuto e indicizzarlo. Google identifica le parole chiave, i meta tag, i problemi del sito e altro per valutare il ranking delle tue pagine web. 

A seconda della facilità con cui Google è in grado di eseguire la scansione del tuo sito Web e indicizzarlo, sarà più probabile che lo classificherà più in alto. Migliore è la connessione delle pagine web nel tuo sito web, maggiori sono le possibilità per Googlebot di raggiungerle tutte, il che offre a Google una migliore comprensione del tuo sito web.

  •  Contenuto duplicato

Molte persone fraintendono come i contenuti duplicati danneggino il posizionamento del loro sito web. Google non penalizza o riduce le tue classifiche per contenuti duplicati, purché sia ​​fatto nel modo giusto. Ad esempio, ripubblicare il tuo blog su un altro sito Web o utilizzare nuovamente i post degli ospiti sul tuo sito Web non danneggerà le tue classifiche o SEO. Lo danneggerà solo se viene fatto in modo spam.

Tuttavia, se pubblichi un blog dal tuo sito Web su un sito Web più autorevole come Medium, potrebbe danneggiare le tue classifiche poiché Google indicizzerà prima il contenuto su Medium. Google potrebbe contrassegnare lo stesso contenuto del tuo sito web come duplicato. Questa si chiama canonizzazione, di cui dovresti occuparti durante la ripubblicazione dei tuoi contenuti.

  •  Adatto ai dispositivi mobili

I dispositivi mobili hanno generato oltre il 54% del traffico online nel 2020 . Inoltre, Google ha introdotto l’indicizzazione mobile-first nel 2019, il che significa che il tuo sito web ottimizzato per i dispositivi mobili può creare o distruggere le sue classifiche.

Rendere il tuo sito web ottimizzato per i dispositivi mobili dovrebbe essere la prima azione da intraprendere prima di intraprendere qualsiasi altra attività. Utilizzando strumenti come Google Search Console, puoi scoprire cosa pensa Google del tuo sito web e come puoi ottimizzarlo per l’ottimizzazione dei dispositivi mobili. Puoi anche utilizzare strumenti come Google Mobile-Friendly Tool per ottenere maggiori informazioni su come migliorare il tuo sito web per i dispositivi mobili.

  •  Velocità della pagina

Da quando Google ha implementato Core Web Vitals per le sue classifiche, ha dato molta priorità all’usabilità e alla velocità di caricamento della pagina. Se le tue pagine web si caricano più lentamente o anche alcuni elementi della tua pagina si caricano lentamente, Google può penalizzarti o ridurre il tuo posizionamento. Assicurati di ottimizzare la velocità della tua pagina riducendo le dimensioni dei media, ottimizzando gli elementi SEO tecnici e altro ancora.

Puoi utilizzare strumenti come GSC per ottenere informazioni dettagliate su quali elementi della tua pagina puoi ottimizzare per migliorare la velocità di caricamento della pagina. Di solito, approcci come l’ottimizzazione delle immagini possono aiutarti a migliorare la velocità della tua pagina.

  •  HTTPS e SSL

La sicurezza del tuo sito web è un fattore molto importante per il posizionamento. Se Google ritiene che il tuo sito Web sia impreciso, contenente spam o non sicuro per gli utenti, influirà negativamente sul tuo posizionamento.

Ottenere certificati SSL per il tuo sito web e HTTPS può aiutarti a comunicare a Google che il tuo sito web è sicuro e protetto. È abbastanza facile configurare SSL e HTTPS. Di solito vengono visualizzati come un’icona a forma di lucchetto prima della stringa URL sul browser. Anche se potrebbe non essere un vantaggio per la SEO, è un segnale di fiducia molto importante sia per gli utenti che per i motori di ricerca.

5. Autorità

Il modo in cui l’autorità generale del tuo sito web guarda a Google può determinare se superi la concorrenza. Inoltre, avere una buona autorità può anche rendere il tuo sito web una buona fonte di informazioni e farti guadagnare preziosi backlink da altri siti web autorevoli.

Google determina l’autorità del tuo sito web valutando principalmente due tipi di autorità che puoi creare: Autorità di dominio e Autorità di pagina. Entrambi sono calcolati su una scala da 1 a 100 e migliore è il punteggio del tuo sito web, maggiore sarà la sua posizione.

Importanti fattori di autorità

  •  Domain authority (DA)

L’autorità di dominio si riferisce a quanto è diffuso e riconoscibile il nome del tuo dominio o marchio. Ad esempio, nel settore delle bevande, Coca-Cola è un nome importante perché tutti lo sanno, il che rende l’autorità del loro dominio molto alta. Il tuo nome di dominio e la sua popolarità sul web determinano il tuo punteggio DA. Un punteggio DA superiore a 35 è considerato buono e qualsiasi cosa oltre è solo migliore.

  •  Autorità di pagina (PA)

L’autorità della pagina si riferisce all’autorità delle tue pagine web. Ciò è determinato da vari fattori, che includono la qualità dei contenuti, le fonti, i link interni ed esterni, i backlink e molto altro.

Ad esempio, se sul tuo sito web hai un articolo di lunga durata sul tuo settore e ha guadagnato molta popolarità con link a ritroso pertinenti, il punteggio PA della tua pagina sarà buono. Un punteggio PA di 30 o superiore è considerato buono e aiuta le tue pagine a posizionarsi in alto.

  •  Frequenza di rimbalzo

La frequenza di rimbalzo è una metrica che indica a Google quanti visitatori lasciano il tuo sito web immediatamente dopo aver visualizzato solo una pagina del tuo sito web. Ci sono molti fattori che possono causare questo, come usabilità, contenuto scadente, tempo di caricamento della pagina e altro. Elevate frequenze di rimbalzo possono ridurre significativamente l’autorità del tuo sito web.

6. Collegamenti

Gli sforzi necessari per creare un profilo di collegamento rigido per la tua attività dipendono dai professionisti SEO con cui lavori. I link sono uno dei modi migliori per espandere il tuo pubblico, oltre a comunicare a Google quanto sia rilevante il tuo sito web.

Molte persone non capiscono che il link building è un’attività molto delicata e lo spamming dei link può portare a risultati negativi. Sebbene il modo giusto richieda tempo e pazienza, è molto fruttuoso a lungo termine, poiché costruisce il tuo punteggio DA e rafforza il tuo SEO generale.

Fattori importanti dei collegamenti

  •  Qualità del collegamento

La qualità dei collegamenti che stai generando conta molto più di quanto si possa immaginare. Raggiungere e connettersi alle fonti giuste, comunicare con loro per offrire valore in cambio di un collegamento di qualità e ripetere questo processo è il modo migliore per ottenere collegamenti di qualità. Google paga anche le aziende che creano link di qualità! Ecco alcuni suggerimenti per ottenere collegamenti di qualità:

  1. Non creare collegamenti su siti Web di bassa qualità, poiché Google potrebbe ignorarli o considerarli spam
  2. Ottenere collegamenti su nuovi siti Web sarà più ricco di eventi rispetto a ottenere collegamenti ripetuti da vecchi siti Web
  3. Invece di creare collegamenti sul tuo sito Web, prova a ottenere collegamenti da altri siti Web poiché valgono di più per gli algoritmi di Google
  •  Testo di ancoraggio

Il testo di ancoraggio è la parte del testo in cui viene utilizzato il collegamento. L’obiettivo dell’anchor text è di trasmettere ai lettori e agli algoritmi dei motori di ricerca lo scopo del collegamento nei tuoi contenuti. Dovrebbe apparire nel testo in modo organico e non dovrebbe essere inserito.

Una cattiva pratica da evitare con gli anchor text è quella di avere semplicemente “clicca qui” o qualcosa di simile che reindirizza gli utenti al tuo sito web. Ad esempio, se stai collegando il tuo sito Web sull’arredamento per interni in un articolo intitolato “Tipi di porte in legno”, puoi utilizzare un anchor text per collegare il tuo sito Web relativo all’argomento come “porte in legno massello”.

  •  Backlink

Google utilizza PageRank per valutare come classificare una pagina web. Il PageRank fondamentalmente interpreta la qualità dei backlink per il tuo sito web come voti provenienti da fonti esterne sulla pertinenza del tuo sito web. Le pagine Web o i siti con più voti o backlink di solito si classificano molto più in alto.

Puoi utilizzare strumenti come Ahrefs per trovare i backlink che i tuoi concorrenti ottengono da fonti pertinenti nel tuo dominio. Puoi quindi creare contenuti migliori rispetto ai tuoi concorrenti e richiedere backlink da queste fonti con l’impegno di offrire contenuti e informazioni migliori dai loro backlink già esistenti.

7. Altri importanti fattori della SEO

La SEO è un processo molto diversificato, motivo per cui molte aziende scelgono di ottenere servizi SEO da professionisti. Ecco altri fattori importanti che sono anche elementi chiave nella SEO:

  •  Nazione

Gli utenti in genere vedono risultati rilevanti per il loro paese. Ad esempio, i tempi di attività per attività come i ristoranti vengono visualizzati solo nei risultati in base al tuo fuso orario.

Un altro elemento che va nell’aspetto paese della SEO è il contesto. Ad esempio, se qualcuno cerca “piumini” in India, molto probabilmente vedrà i risultati con le coperte. Considerando che, per lo stesso termine di ricerca nel Regno Unito, i risultati saranno molto probabilmente ciucci, poiché questo è ciò che significa “consolatore” nel Regno Unito. Quindi, è fondamentale menzionare il tuo paese, poiché può fare una grande differenza.

  •  Città

Questo è più rilevante per la SEO locale. Il targeting geografico può essere specifico quanto vuoi. Puoi persino scegliere come target determinate aree della tua città per il tuo marketing SEO. Questo è il motivo per cui vedi i risultati delle attività commerciali locali intorno a te ogni volta che cerchi qualcosa di rilevante per loro. Ad esempio, se cerchi “salone”, i risultati ti mostreranno i saloni più vicini alla tua posizione o nella tua città.

8. Linee guida EAT

Google ha una serie definita di linee guida per i valutatori per la formazione dei loro valutatori di contenuti umani. Google impiega spesso valutatori della qualità umana per migliorare l’esperienza utente degli utenti. Nelle sue linee guida, Google afferma che una pagina di alta qualità o autorevole deve possedere i seguenti tratti:

  • Competenza
  • Autorità
  • Affidabilità

Questo è indicato come linee guida EAT. Tenere a mente le linee guida EAT mentre crei qualsiasi contenuto può aumentare significativamente le tue possibilità di posizionarti più in alto e portare la tua strategia SEO nella giusta direzione.

 Principali fattori di classifica

Google, il motore di ricerca online più popolare al mondo, elabora quasi 63.000 query di ricerca ogni secondo di ogni giorno. Ti sei mai chiesto come Google elabora la tua query in pochi secondi e ti offre il meglio delle pagine Web in grado di rispondere alla tua query? Google considera più di 200 fattori di ranking prima di classificare qualsiasi pagina web su SERP. Ecco alcuni dei fattori di ranking di Google significativi di cui hai bisogno ora:

  • Contenuto aggiornato e unico – Come dicono gli esperti SEO, il contenuto è il re! Certo che lo è. Aggiornamenti, contenuti unici e pertinenti sono il requisito principale di come Google valuta una pagina web. Google privilegia sempre i contenuti esclusivi e aggiornati su SERP rispetto ai contenuti vecchi e copiati.
  • Compatibilità mobile : con più utenti che utilizzano dispositivi mobili per eseguire ricerche online, il tuo sito Web deve essere ottimizzato per i dispositivi mobili. Con un aumento degli utenti mobili, Google è passato anche all’indicizzazione mobile first per eseguire la scansione del sito web.
  • Velocità della pagina ottimale : studi recenti hanno concluso che la frequenza di rimbalzo raddoppia per ogni due secondi di ritardo nel caricamento della pagina. Ciò rende la velocità della pagina un fattore cruciale per classificare una pagina Web più in alto sulle SERP. Si desidera avere un punteggio della pagina superiore a 90. Puoi misurare la velocità della tua pagina utilizzando lo  strumento Google PageSpeed ​​Insights  .
  • HTTPS – HTTPS è diventato un segnale di ranking di Google nel 2014, mentre nel 2017 Google ha incoraggiato fortemente i siti a diventare sicuri. In effetti, ora i siti senza la connessione HTTPS sicura vengono visualizzati come “non sicuri” nella barra degli indirizzi del browser Chrome, un vero pugno nell’occhio per i visitatori del sito.
  • Esperienza utente: l’esperienza utente è uno dei fattori di ranking emergenti che Google sta osservando. Google tiene costantemente traccia del comportamento degli utenti quando visitano il tuo sito web. Google monitora la quantità di tempo trascorso sul tuo sito, il numero di visitatori che lasciano il sito dopo aver visualizzato una sola pagina, il numero di altre pagine visitate, ecc.
  • SEO on-page – Questo era uno degli elementi essenziali che qualsiasi motore di ricerca avrebbe preso in considerazione prima di classificare il tuo sito web sulle SERP. La SEO on-page comprende URL di pagine Web, titolo e meta descrizione, densità delle parole chiave , struttura del sito Web, markup dei dati strutturati e molti altri.
  • Backlink di alta qualità : la tua pagina web deve ricevere link da altri domini di alta qualità. Ciò garantisce a Google che la pagina web è autentica e ha contenuti utili per gli utenti. Ma questo non significa solo creare backlink di alta qualità per il tuo sito web. Google è abbastanza intelligente da capire cos’è un collegamento naturale e un collegamento a pagamento. 
  • Autorità di dominio: anche l’ autorità di dominio (DA) e l’autorità di pagina (PA) del sito Web è uno dei fattori che Google considera durante il monitoraggio/classifica di un dominio più in alto dei risultati di ricerca. Puoi controllare l’autorità del tuo dominio e della pagina tramite l’estensione mozbar.

Come ottimizzare il tuo sito web

Sebbene ci siano più di 200 fattori di ranking di Google che influenzano il ranking del tuo sito, non c’è bisogno di sentirsi in disaccordo mentre si tenta di ottimizzare il tuo sito per un migliore traffico web. Qualunque sia il tuo livello di abilità SEO, assicurati di scorrere il seguente elenco di queste cose da fare mentre valuti la salute del tuo sito e fai uno sforzo per migliorarlo:

Come ottimizzare il tuo sito web tramite SEO

Passaggio 1: eseguire ricerche per parole chiave

Questa è la vera base su cui si basa la SEO in quanto ti offre informazioni inestimabili su ciò che i tuoi clienti cercano, necessitano o desiderano. Puoi semplicemente utilizzare il completamento automatico di Google per valutare ciò che gli utenti stanno cercando in relazione alle parole chiave o alle frasi principali. Lo Strumento di pianificazione delle parole chiave di Google e Rispondi al pubblico sono altri strumenti critici che ti aiuteranno a farlo, aiutandoti anche a trovare idee per contenuti nuovi e utili . Tuttavia, è anche importante conoscere i diversi tipi di parole chiave, vale a dire parole chiave prodotto, parole chiave informative e parole chiave LSI. Mentre le parole chiave dei prodotti sono direttamente collegate all’offerta di prodotti o servizi, le parole chiave informative, come suggerisce il nome, forniscono informazioni generali su un argomento. Ad esempio, se possiedi un sito Web di e-commerce di moda, “scarpe Adidas” sarebbe una parola chiave del prodotto mentre “guida alle taglie delle scarpe” può essere una possibile parola chiave informativa. Le parole chiave di indicizzazione semantica latente (LSI) sono quelle che ruotano attorno al tuo obiettivo/parole chiave primarie, ad esempio se stai scrivendo un post sul blog su “stilare una giacca di jeans”, “quali pantaloni indossare con una giacca di jeans” si qualificherebbe come LSI parola chiave . 

Sebbene esistano molti altri tipi di parole chiave, comprese le parole chiave di navigazione, le parole chiave transazionali e simili, quelle sopra menzionate sono le più basilari e importanti. Dopo aver condotto un’accurata ricerca sulle parole chiave , ti consigliamo di scegliere quelle che hanno il volume di ricerca più elevato e di ottimizzare il tuo sito web intorno a loro. La scelta di affrontare prima le parole chiave a coda lunga si rivelerà una mossa saggia poiché queste frasi di ricerca lunghe comportano una minore concorrenza per il posizionamento nelle prime SERP. Puoi quindi passare a parole chiave a coda corta altamente competitive che spesso includono solo una parola di ricerca. 

Passaggio 2: crea contenuti SEO friendly

Seconda solo alla ricerca di clienti e parole chiave è conoscere il tipo di contenuto che avrà il maggiore impatto sui visitatori del tuo sito. Sebbene ci siano molti tipi di contenuti per i quali puoi scegliere, devi capire che i contenuti dettagliati simili a quelli di un blog non sono sempre la risposta a tutti i tuoi problemi di contenuto. Brevi articoli che descrivono rapidamente gli aspetti salienti del tuo prodotto o servizio di solito devono abbellire la pagina del tuo prodotto o servizio. Gli elenchi completi possono includere brevi indicazioni su qualsiasi cosa, comprese ricette complete, cose diverse, modi per fare qualcosa, ecc. Una guida pratica o un articolo dettagliato viene utilizzato per descrivere un’attività in modo molto dettagliato in modo che il lettore non deve visitare altre pagine Web durante la ricerca di ulteriori informazioni. Anche ricerche originali con dati e dettagli inconfutabili sul metodo utilizzato per ottenerlo stanno riscuotendo un grande successo presso il grande pubblico in questi giorni. Si consiglia sempre di mettersi in contatto con lo scrittore di contenuti per integrare a società di content marketing che può aiutarti con le migliori idee di contenuti e articoli. 

Sebbene ci siano molti altri tipi di contenuti, ce n’è uno che merita una menzione speciale: contenuti visivamente ricchi, immagini o video . Devi fare i tuoi compiti prima di decidere di immergerti qui, inclusa la ricerca di parole chiave per la ricerca di immagini e video, l’ottimizzazione di nomi e descrizioni di file, testo alternativo e trascrizioni video, ecc. E ricorda, mentre le menzioni multiple in vari contenuti sono un modo infallibile di indicando a Google che la tua pagina web riguarda un determinato argomento/parola chiave, non devi inserirli nel tuo articolo. Non solo questo renderà i tuoi contenuti innaturali o finti, ma solleverà anche una grande bandiera rossa per Google.

Passaggio 3: concentrati sull’intento dell’utente

A volte, l’utente non è in grado di articolare ciò di cui ha bisogno nella query di ricerca. Qui è dove la cronologia delle ricerche e le preferenze precedenti dell’utente di Google e la posizione dell’utente per fare un’ipotesi intelligente e intuitiva su ciò che stanno cercando. Possiamo dividere l’intento di ricerca in quattro grandi categorie, inclusi i tipi commerciali, informativi, di navigazione e transazionali . Ad esempio, se stai cercando di acquistare scarpe online, il tuo intento di ricerca è transazionale. Se si tratta di inserire informazioni per il progetto scolastico di tuo figlio, è informativo. Se stai cercando di trovare il sito web della tua celebrità preferita online, è di navigazione. E se si tratta di leggere le fotocamere DSLR migliori e più economiche in modo da poterle acquistare in seguito, è commerciale. 

Quello che tu come proprietario di un sito web devi assicurarti è che l’intento di ricerca corrisponda al contenuto della tua pagina web. Ad esempio, se un utente è atterrato sul tuo sito Web alla ricerca di informazioni specifiche, non puoi invece indirizzarlo a una pagina di prodotti/servizi. Questo avrà un punteggio molto basso nel misuratore dell’esperienza utente e la tua reputazione ne risentirà. Ti consigliamo inoltre di misurare la reazione degli utenti o l’interazione con il tuo sito analizzando costantemente le metriche di Google Analytics come frequenza di rimbalzo , tasso di conversione, ecc. per vedere dove si trova il tuo sito web. 

Passaggio 4: ottimizza per dispositivi mobili

In precedenza, l’ottimizzazione di un sito per dispositivi mobili poteva essere messa in secondo piano insieme ad altre attività SEO non prioritarie. Tuttavia, l’algoritmo di ricerca di Google ha subito un cambiamento importante e ora sta indicizzando i siti Web in modo prioritario dai dispositivi mobili. Ciò significa per i proprietari di siti Web che, anche se possono disporre di una straordinaria versione desktop del loro sito Web, se non è sufficientemente reattiva sui dispositivi mobili, Google non gli presterà molta attenzione. Registrazione del tuo sito web su Google Search Consoleè un passaggio importante per la scansione e l’indicizzazione e ora può anche essere utilizzato per analizzare come stai andando sui dispositivi mobili, oltre a individuare eventuali problemi di usabilità dei dispositivi mobili. Altri suggerimenti per professionisti includono la garanzia che il tuo sito Web non abbia fastidiosi pop-up e si carichi rapidamente sui dispositivi mobili. Puoi anche esplorare lo strumento Mobile-Friendly Test di Google per vedere quanto è facile per un utente utilizzare il tuo sito web mobile. Maggiori informazioni sulla SEO per dispositivi mobili . 

Passaggio 5: eseguire attività SEO sulla pagina

La SEO on-page è un metodo per ottimizzare le tue pagine web aderendo alle linee guida di Google per ottenere un posizionamento migliore sui motori di ricerca. Le attività SEO on-page includono la creazione di contenuti di siti Web molto richiesti, di impatto, pertinenti e utili, che sono anche SEO-friendly. Se il tuo sito Web è basato su WordPress, ti consigliamo di installare questo plug-in SEO WordPress indispensabile per accedere a un sacco di funzionalità che ti aiuteranno a ottimizzare il tuo sito. Non è tutto: ci sono innumerevoli altre piccole ma estremamente utili cose che puoi fare per catapultare la tua pagina web in cima alle SERP di Google. Usa la tua parola chiave di destinazione nel tag del titolo come un chiaro segnale a Google sui contenuti della tua pagina. Includi parole chiave nel tuo anchor text e link a pagine che hanno una priorità più alta all’interno del tuo sito web. Avere una struttura URL ordinata (preferibilmente con la parola chiave di destinazione) insieme a pagine classificate in modo efficiente è un altro vantaggio. Assicurati anche che le tue meta descrizioni, che sono più per gli umani piuttosto che per i robot di ricerca, siano brevi ma indicative di ciò che attende i visitatori. L’utilizzo di una parola chiave di ricerca nella meta descrizione porterà Google a evidenziarla in grassetto all’interno della meta descrizione, attirando così l’attenzione dell’utente. 

Passaggio 6: eseguire attività SEO fuori pagina

La SEO off-page è l’insieme di attività che svolgi al di fuori del tuo sito Web per creare collegamenti che puntano ad esso. Questi link che puntano al tuo sito web sono noti come backlink (link che rimandano al tuo sito). L’agenda principale per la SEO off-page è creare backlink di qualità, pertinenti e affidabili. La SEO off-page, se combinata con le attività SEO on-page, dà una spinta alle tue classifiche organiche. Sebbene una quantità eccessiva di attività fuori pagina comporterebbe sanzioni di Google, che verrebbero quindi risolte da un fornitore di servizi di recupero sanzioni di Google . La SEO off-page include la creazione di backlink da vari siti web di influencer, social bookmarking domini, commenti sul blog, invii di immagini e molti altri. I proprietari di siti Web dovrebbero considerare la creazione di un collegamento solo dal dominio pertinente. Ad esempio, se sei un dominio di e-commerce di moda, ti consigliamo di ottenere backlink da domini di nicchia di moda.  

Passaggio 7: migliora la velocità della pagina

La velocità del sito dipende dai fattori significativi che Google considera prima di classificare un dominio più in alto sulle SERP. Studi recenti di esperti SEO hanno affermato che un ritardo di due secondi nel tempo di caricamento della pagina comporterebbe un aumento della frequenza di rimbalzo di due volte. C’è un altro caso di studio che dichiara come la velocità del sito influisca sulla SEO e sulle classifiche di Google per le tue attività . Quindi è importante dare la preferenza alla velocità della tua pagina. Gli approfondimenti sulla velocità della pagina di Google sono uno strumento creato dagli sviluppatori di Google, che può aiutarti a tenere traccia del punteggio della tua pagina. Ti fornisce anche la raccomandazione per ottimizzare ulteriormente il tuo punteggio. 

Migliori pratiche per migliorare il marketing SEO

Puoi utilizzare varie pratiche che possono aiutare a migliorare l’esperienza complessiva del sito Web sia per gli utenti che per gli algoritmi. Queste best practice SEO possono mantenere a galla le tue strategie per molto tempo e portare ritorni preziosi. Ecco le migliori pratiche SEO che puoi utilizzare per migliorare il tuo marketing SEO:

1. Sii unico con i tuoi contenuti

Evitare i contenuti duplicati è qualcosa di cui abbiamo parlato in questo articolo. È imperativo mantenere i tuoi contenuti freschi, non plagiati e unici per i lettori. Se gli utenti vedono contenuti simili sul tuo sito web, non si sentiranno fidati, poiché li hanno già consumati da qualche altra parte.

Mantenere unici i tuoi titoli, meta tag e contenuti è fondamentale. Assicurati che la tua pagina non abbia alcun contenuto plagiato.

2. Rendi i tuoi contenuti personali per il pubblico

Ogni visitatore del tuo sito web è arrivato lì per un motivo. Il modo migliore per assicurarti di catturare la loro attenzione è rendere l’esperienza personale per loro. Identifica i punti deboli diffusi del tuo pubblico di destinazione e fornisci loro soluzioni pronte per mantenerli coinvolti.

Ogni cliente ha un’aspettativa e soddisfare queste aspettative dipende fortemente da quanto valore stai offrendo ai tuoi clienti. Ad esempio, se stai creando annunci, assicurati che siano al punto e offri soluzioni agli utenti sin dall’inizio.

3. Tieni traccia dei tuoi risultati

Tieni sempre d’occhio il rendimento delle tue campagne di marketing o delle tue strategie SEO. Questo ti aiuterà a capire in quali aree puoi migliorare e quali stanno ottenendo i migliori risultati per investire di più in esse.

Utilizzando strumenti come Google Search Console, puoi tenere d’occhio ogni metrica come il traffico generato, le parole chiave utilizzate per trovare la tua pagina, la copertura del tuo sito Web, le aree per migliorare il tuo sito Web, l’ottimizzazione dei dispositivi mobili e molto altro. Assicurati di tenere sempre traccia dei tuoi risultati e continua a ottimizzarli per ottenere risultati migliori nel tempo.

Come monitorare e misurare i risultati SEO?

Devi prima comprendere il concetto di KPI per tracciare e misurare i risultati SEO ed eventualmente utilizzarlo per costruire le basi del tuo sito web. I KPI, o indicatori chiave di prestazione, fungono da vari indicatori di prestazione con valori misurabili che dimostrano il successo nel raggiungimento degli obiettivi. Di seguito sono elencati alcuni degli indicatori chiave: 

1) Traffico organico

È uno dei KPI più utili che le aziende possono utilizzare per acquisire nuovi contatti e clienti. Il traffico organico si riferisce alle visite che provengono dai risultati dei motori di ricerca non a pagamento anziché dagli annunci a pagamento. Un traffico organico più elevato è spesso visto come il più grande indicatore del successo di una strategia SEO. Google Analytics è un’applicazione gratuita che chiunque può utilizzare per misurare e monitorare il traffico organico. 

Un professionista SEO dovrebbe rimanere vigile su come funziona la SEO con gli algoritmi in continua evoluzione dei motori di ricerca poiché il design, l’interazione, il titolo e i metadati possono essere molto importanti. 

2) Classifiche delle parole chiave

Serve come indicatore del posizionamento di un sito Web o di una pagina Web nelle pagine dei risultati dei motori di ricerca (SERP) per un particolare termine di ricerca. Questo KPI è altamente efficace nel determinare la capacità di un’azienda di costruire la propria brand awareness. È possibile utilizzare vari tracker di ranking insieme a Google Analytics per misurare il ranking delle parole chiave. 

3) Vendite e contatti

Quando un visitatore del sito Web si trasforma in un lead di vendita o in una vendita, viene definito una conversione. Il tasso di conversione si riferisce al numero di visitatori del sito Web che hanno raggiunto l’obiettivo o l’azione a cui mirava l’azienda. Il monitoraggio del percorso dell’utente dall’inizio alla fine aiuterà a comprendere gli obiettivi macro e micro. Le aziende possono misurare facilmente le loro vendite e condurre utilizzando Google Analytics.

Maggiori informazioni sulla SEO

Google rilascia aggiornamenti periodici al suo algoritmo di ricerca per stare molti passi avanti anche ai marketer digitali più esperti. Questo aiuta anche a mantenere un terreno di gioco equilibrato mentre elimina tutti gli sport guastafeste che ricorrono a discutibili tattiche SEO da cappello nero o grigio come pagare siti Web logori per collegarsi a loro in modo che assomiglino a un’autorità su un argomento specifico. Sebbene ci siano molti aspetti della SEO tecnica su cui devi concentrarti per promuovere i tuoi obiettivi SEO, la tua responsabilità più cruciale come proprietario di un sito Web è creare il sito Web più insolito, pertinente e utile che puoi. Se vuoi rimanere informato su tutti gli ultimi avvenimenti nel mondo della SEO, non c’è posto migliore dove stare che proprio qui: continua a controllare con noi per i blog di marketing digitale eNotizie di marketing digitale .

Tendenze SEO in evoluzione nel 2022

  • Schema Markup

Il markup dello schema è pronto per dominare il 2021. I rich snippet creati dai microdati possono fornire un ottimo contesto a pagine Web ambigue, migliorando così la loro visibilità quando vengono cercate. I rich snippet contribuiscono ad aiutare i marchi e le aziende a comparire in modo più evidente nelle SERP e ad aumentare le loro percentuali di clic .

  • MANGIARE

EAT SEO è una metrica di Google che sta per Competenza, Autorevolezza, Affidabilità. Questa metrica richiede che il contenuto condiviso sia accurato e affidabile al 100%. Per ottenere un punteggio EAT elevato, sono necessari contenuti scritti da esperti del settore. Le tendenze impongono che EAT sarà una delle migliori metriche SEO per un posizionamento SERP elevato.

  • Ricerca vocale

Il 50% delle ricerche sono state ricerche vocali nel 2020.  Le tendenze SEO per la ricerca vocale nel 2021 indicano un aumento delle persone che utilizzano i propri smartphone per accedere a informazioni su prodotti e servizi. Le aziende, quindi, saranno viste ottimizzare i propri siti e contenuti per le ricerche vocali.

FAQ’S

  • Cos’è la SEO e come funziona?

Mentre interi settori continuano a spostarsi online, alcune persone stanno ancora lottando per capire cos’è la SEO e come può aiutare le loro attività a prosperare. La SEO comporta modifiche specifiche che le aziende apportano al contenuto e alla progettazione del sito Web per posizionare il proprio sito Web in vari motori di ricerca. Le aziende utilizzano varie strategie di marketing attraverso le quali ottimizzano ulteriormente i propri siti Web, facendoli apparire tra i primi risultati forniti dai motori di ricerca. Questo potrebbe essere fatto con SEO on-page (strategie che si verificano all’interno del tuo sito Web) e SEO off-page (strategie esterne al tuo sito Web). Raccogliendo dati su come si comporta il tuo sito su entrambe le estremità, i motori di ricerca creano un ranking che determina dove elencherebbe il tuo sito.

  • Cosa sono gli strumenti SEO?

Sono alcuni elementi che indagano le prospettive di siti web o pagine web per posizionamenti migliori sulle SERP. Gli strumenti SEO forniscono informazioni su questi elementi, insieme a approfondimenti su altri concorrenti SEO su Internet. Gli strumenti SEO includono dettagli su parole chiave, contenuto, backlink, dominio e altro ancora. 

  • Quanto tempo ci vuole perché la SEO funzioni?

In media, qualsiasi strategia SEO richiederebbe almeno dai quattro ai sei mesi prima di mostrare risultati promettenti. Una delle idee chiave sulle basi SEO è il fatto che questi risultati generalmente crescono nel tempo e richiedono pazienza e sforzi persistenti. 

  • I contenuti duplicati danneggiano il tuo SEO?

Sì, lo fa. Il contenuto duplicato confonderà il motore di ricerca e lo costringerà a scegliere una qualsiasi delle pagine simili per un rango più alto. C’è una maggiore possibilità che il contenuto originale non venga scelto. 

  • Perché la SEO è importante?

La SEO conta di più nel mondo di oggi in quanto è l’ unica tattica di marketing che aiuta le aziende a raggiungere in modo specifico i potenziali clienti. Se le aziende sanno cos’è la SEO, possono utilizzare la portata del sito web indirizzando le query di ricerca relative ai servizi e ai prodotti da loro offerti.

0 commenti

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.